Settembre, la primavera dei retailer. Perché ripartire seguendo i dati?

Dopo la prima fase di epidemia da covid-19, in cui il comportamento dei consumatori è stato irrazionale e guidato dalla paura, proviamo a capire quali dati possono aiutare i retailer a reinventare l’esperienza d’acquisto.

Il primo ambito che è stato messo sotto pressione è sicuramente la gestione della supply chain, dove i dati di vendita degli store fisici incrociati con gli ordini effettuati online già evasi e in attesa di evasione, devono essere processati da modelli predittivi per ottimizzare gli approvvigionamenti e prevedere trend di acquisto.

Gli stessi dati, arricchiti con i dati generati dai sistemi elimina code, ad esempio, affluenza e tempo medio di permanenza nel punto vendita, aiutano ad ottimizzare la gestione del personale, permettendo di avere il giusto numero di addetti rispetto alla domanda effettiva generata da ingresso merci in magazzini, ordini online e ingresso clienti nel punto vendita.

Rimanendo nell’ambito di gestione degli afflussi di clienti, nonostante vi siano molteplici soluzioni elimina code, bisogna capire come e quali dati sono veramente utili. Infatti, per migliorare l’erogazione di servizi a valore aggiunto nel punto vendita e creare nuove esperienze personalizzate, questi sistemi saranno tanto più utili quanto più riusciranno a fornire ai retailer insight in tempo reale e metriche di sintesi quali, ad esempio, fasce orario di maggior afflusso di clienti oppure tempo medio di permanenza dei clienti in base alla fascia oraria o, ancora, feedback puntuali dei clienti sulla loro soddisfazione nella fruizione di un determinato servizio

Uno scenario che vede da una parte gli store fisici che si reinventano e dall’altra dati smart che aiutano a ridisegnare l’esperienza d’acquisto e le relazioni tra marca e consumatore, ad ottimizzare gli accessi, ridurre i tempi di attesa dei clienti e creare nuove esperienze altamente personalizzate che collocano al centro delle attenzioni il consumatore finale con i propri bisogni.

Quindi, la corsa alla migliore app eliminacode continuerà grazie alla crescente inclinazione dei consumatori a scegliere la prenotazione e i servizi a valore aggiunto offerti dal punto vendita. Infatti, se prima ci si recava direttamente presso uno store, ora si riflette e si pensa se sia o meno il momento opportuno per accedervi e quindi con i sistemi di elimina code si può fornire, ai propri clienti, un nuovo touch point che può essere utilizzato per:

  • Raccogliere nuovi contatti e dati di profilazione con cui arricchire il CRM,
  • coinvolgere il consumatore in attività interattive e promozionali funzionali al “drive to store”,
  • raccogliere opinioni e feedback per migliorare l’erogazione dei propri servizi.
La corsa alla migliore app eliminacode continuerà grazie alla crescente inclinazione dei consumatori a scegliere la prenotazione e i servizi a valore aggiunto offerti dal punto vendita Condividi il Tweet

Dunque, sono sempre i dati ci vengono in aiuto per migliorare e reinventare l’esperienza del consumatore, anche in questa fase storica che sta rivoluzionando le modalità di relazione tra i retailer e i propri clienti.


GRUPPO MAPS

Fondata nel 2002, MAPS è una PMI Innovativa attiva nel settore della digital transformation. Con sede a Parma e 170 dipendenti, produce e distribuisce software per l’analisi dei big data che consentono alle aziende clienti di gestire e analizzare grandi quantità̀ di dati e di informazioni, aiutandole nell’assunzione delle proprie decisioni strategiche e operative e nella definizione di nuovi modelli di business.

MAPS opera attraverso 3 business unit (Large Enterprise, Healthcare Industry, Gzoom) e ha un portafoglio di oltre 180 Clienti altamente fidelizzati appartenenti a differenti settori: Servizi, Sanità, Industria e PPAA.

Il Gruppo ha investito in R&D ed innovazione, negli ultimi 5 anni, complessivamente 3.500.000 €.

Per maggiori informazioni: www.mapsgroup.it

CONTATTI

Per maggiori informazioni













CREDITS IMMAGINI
Copertina: Foto di Artem Beliaikin da Pexels
Palette: Foto di Kaboompics .com da Pexels
Maps Group
Dai dati alle informazioni: interpretare il presente, disegnare il futuro.

Vuoi seguire i nostri MEMES?
Iscriviti a MEMEnto6, la newsletter del blog 6Memes.

VOGLIO ISCRIVERMI