Buone pratiche di riciclo… anche in estate!

L’estate è l’occasione per ritrovare un contatto più diretto con la natura dopo i lunghi mesi invernali. Ma, come abbiamo visto in un precedente articolo, lo spostamento di tante persone e la loro concentrazione in determinate località, può rappresentare un carico insostenibile per l’ambiente, ed essere all’origine di gravi problemi di inquinamento. Allora è forse proprio questa in cui ci troviamo, la stagione per dedicare un po’ più di tempo a valutare i nostri comportamenti e il loro effetto sulla natura che ci circonda.

Così hanno pensato proprio a questo i promotori della campagna “La raccolta differenziata non va in vacanza”, voluta da Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica. Siete in vacanza o siete appena tornati? Avete tempo fino al 31 agosto per segnalare a Comieco una località che si è rivelata particolarmente ben organizzata nella raccolta differenziata. Al concorso si accompagnano tanti consigli per buone pratiche di riciclo della carta: da cosa non si può riciclare, come scontrini e carte oleose, a cosa effettivamente gettare nel contenitore della carta (no, le puntine, gli adesivi e il cellophane delle riviste, proprio non ci vanno! ☺). Ma anche come riutilizzare la carta, magari per farne dei ventagli nelle calde serate di agosto e settembre, o per abbellire balconi e giardini fino a che non sopraggiunga l’autunno.
E forse si potrebbe prendere ad esempio proprio una delle tante mete vacanziere italiane, l’Alto Adige che si candida a modello nella gestione dei rifiuti, con località che hanno raggiunto fino all’80% di raccolta differenziata. Ma dove si punta prima di tutto a evitare i rifiuti, ad esempio sensibilizzando i cittadini a privilegiare prodotti dove l’imballaggio sia minimo oppure riutilizzabile, come ci illustra questo articolo.

La Natura non va mai in vacanza, e quando si è via da casa, come al ritorno, occorre ricordarlo! Condividi il Tweet

Se invece siete già a casa e le vacanze sono un ricordo lontano, allora per voi è tempo di buoni propositi per ripartire con il piede giusto anche in ambito green, all’insegna delle 4 R dei rifiuti: riduci (meno rifiuti, per contenere il problema alla fonte), riutilizza (ovvero non sprecare), ricicla (applica correttamente la raccolta differenziata) e recupera (per “allungare” la vita degli oggetti).
Potreste anche approfittarne per riorganizzare gli spazi della vostra casa per una raccolta differenziata più agevole ed efficace. Consigli e idee creative per gestire spazi e contenitori si sprecano sul web. Molti sono i contenitori utilizzabili e i consigli per fare la raccolta differenziata senza sacrificare la bellezza dei nostri spazi domestici. E se avete dei dubbi su come riciclare, questo video di Altroconsumo spiega come non commettere gli errori più frequenti.

Ci sarà però qualche fortunato che ancora non ha vissuto appieno la sua estate e non si è concesso le meritate vacanze. Per loro chiudiamo il nostro articolo affrontando una forma indiretta di riciclo, che non riguarda direttamente i rifiuti, ma che ha effetti benefici sull’ambiente perché riduce gli sprechi e limita le cause di inquinamento. Si tratta dei vari modi in cui fare sharing in vacanza. In questo articolo di Wired si immagina un ipotetico turista italiano che ha fatto tutta, ma proprio tutta, la sua vacanza semplicemente dividendo con gli altri: auto, posti parcheggio, cura degli animali domestici, barca a vela, e chi più ne ha più ne metta. Oggi infatti il concetto di riuso e la filosofia di vita, oltre che economica, che lo sottende, si applicano anche a tutte quelle forme di condivisione che vedono moltiplicare sul web piattaforme e app per utilizzare razionalmente le risorse e non sprecare.
Allora, che siate in vacanza, che dobbiate ancora andarci o che – ahimè – siate già tornati, non dimenticate le buone pratiche ambientali e anti-spreco!

 

Salva

Salva

Salva

Iscrizione a MEMEnto6, la newsletter di 6MEMES

Vuoi seguire i nostri MEMES?
Iscriviti a MEMEnto6, la newsletter del blog 6Memes.

VOGLIO ISCRIVERMI