Il meglio di 6memes: Big Data, Ambiente e Domotica, gli argomenti premiati dall’interesse del pubblico.

La strada che porta alla conoscenza
è una strada che passa per dei buoni incontri.

Baruch Spinoza

 

Dopo una lunga pausa, che ha attraversato la fine della stagione primaverile e tutto il periodo estivo, siamo finalmente giunti al secondo appuntamento con la rassegna “Il meglio di 6MEMES”.

Un blog è un canale di comunicazione diretta con i propri utenti e/o clienti. Risulta quindi fondamentale pubblicare articoli informativi e originali, creati seguendo una precisa strategia editoriale.

Nel caso di 6MEMES, la scelta di parlare di numeri, codici, sofisticate tecnologie e letteratura, argomenti all’apparenza astrusi o colti, ma sempre trattatati nell’ottica di superare le barriere tra diverse aree della conoscenza, non ha mai allontanato l’attenzione sui principali obiettivi del blog: il coinvolgimento del lettore e l’orizzonte attuale degli eventi, con i suoi cambiamenti dettati dalla contemporaneità.

Blog 6MEMES: coinvolgimento del lettore con un occhio puntato su l’orizzonte attuale degli eventi. Condividi il Tweet

Siamo dunque riusciti, anche in questi mesi, a solleticare l’interesse dei “naviganti” del web nei confronti delle tematiche trattate? Accertiamolo, come la volta scorsa, confrontando il gradimento dei contenuti in base alla piattaforma social di condivisione degli stessi.

La curiosità di Facebook per i Big Data…

I Big Data sono il tema centrale del successo riscontrato per due dei tre contenuti che hanno ottenuto apprezzamento e condivisione da parte del pubblico sul social network più frequentato.

Grazie ai contributi di cultori della materia, il nostro canale Facebook è riuscito a ospitare un argomento di complesso sviluppo quale il significato e l’utilizzo dei Big Data nel quotidiano, elaborato e presentato in modo semplice ma coinvolgente. Paola Chiesa e Anna Pompilio firmano due articoli in cui mostrano come il rilevamento e l’elaborazione di Big Data costituiscono la risposta ad un fabbisogno informativo in grado di incidere tanto sulle scelte (politiche ed economiche) di un’amministrazione comunale quanto sullo sviluppo di una nuova definizione di indicatore sociale, utile a valutare dove noi stiamo e dove stiamo andando.

Clicca sull’immagine per andare all’articolo.

Sul primo gradino del podio si posiziona invece il contributo Natalia Robusti: con il suo primo intervento scritto per la nuova rubrica In Salute e Malattia, la blogger e scrittrice ci introduce il corpo umano, approfondito attraverso gli schemi della bellezza (e i suoi canoni), della giovinezza e delle sue capacità d’espressione.

E per una società ancora fondata in parte sull’estetica ma con pochi esteti, la lettura di questo articolo avrà senza dubbio rappresentato un prezioso tempo di conoscenza, si auspica anche condivisa.

Linkedin e la questione ambientale.

Le norme di controllo vigenti in campo giuridico e le buone pratiche per limitare l’inquinamento atmosferico. Social media e Pubbliche Amministrazioni. E, infine, diagnosi e cure migliori grazie all’avvento della telemedicina. Il pubblico di Linkedin, e i follower che hanno scelto di seguire le qualità professionali della pagina aziendale di Maps, si sono dunque interessati ad aggiornamenti e articoli pertinenti lo sviluppo di strumenti per elaborare il concetto di Big Data a quello di Relevant Data, e ottenere soluzioni innovative a supporto dei processi decisionali nei più svariati ambiti.

Clicca sull’immagine per andare all’articolo

Sebbene, a onor di cronaca, con più di 2.200 visualizzazioni e 64 tra clic e interazioni, il podio lo conquista il post sul pezzo scritto da Maria Bonifacio riguardo la normativa di controllo delle emissioni inquinanti a sostegno del fatto che non esiste un’indifferenza al tema ecologico e il modesto, ma prezioso, apporto di 6MEMES possa aver contribuito al risveglio di una coscienza ambientale.

Twitter premia la comunicazione efficace.

Giungiamo infine a Twitter, dove la pluralità di argomenti si rinnova, seguendo le orme di linkedin, e il pubblico del social “cinguettante” dimostra di gradire news e aggiornamenti che lo riguardano da vicino.

Clicca sull’immagine per andare all’articolo

Ulteriore merito va a chi è stato in grado di gestire i contenuti e il modo di comunicarli, intuendo con accuratezza i bisogni e curiosità degli utenti: così, Natalia Robusti compare nella classifica in prima e terza posizione rispettivamente con un approfondimento su come la domotica cambierà il volto delle abitazioni, facendoci risparmiare tempo, e, come per Linkedin, con il breve focus su l’avvento della telemedicina, una delle risposte attuali più efficienti per cambiare, migliorandolo, il volto della sanità.

Il secondo gradino del podio spetta invece a un nuovo contributo di Maria Bonifacio che, stavolta, ci introduce alla scoperta di dove affonda le radici la circular economy, uno dei motori di spinta in ambito economico, nonché di business, legato alla green economy.

Per concludere…

L’attività di monitoraggio del blog proseguirà nei prossimi mesi e l’obiettivo di detta analisi rimarrà il medesimo: cogliere il gusto e l’attenzione del pubblico, fornendo informazioni su come l’impiego di Big e Relevant Data sono destinati a incidere in modo strategico sulla società in cui viviamo.

Esiste un solo bene, la #conoscenza, ed un solo #male, l’#ignoranza. (#Socrate). Condividi il Tweet

Il Meglio di 6MEMES vi saluta e vi dà appuntamento tra tre mesi!

Se vuoi seguire i tag di 6MEMES

iscriviti alla nostra NewsLetter!