Medici imPazienti: il passaggio dall’analogico al digitale è ormai impellente anche nella Sanità.

Natalia Robusti

Natalia Robusti

Digital Communication Strategist ● Visionary Artist ● Founder di Spazio Lookness

Ebbene sì, ci siamo! Anche in Italia il salto culturale tra analogico e digitale nel settore della Sanità si inizia ad avvertire come urgente.

Tale aspettativa trova il suo incipit naturale non solo nei cosiddetti “pazienti” – ovvero noi cittadini – ma anche nei Medici, chiamati in prima linea a rispondere in emergenza a necessità che potevano invece, almeno in parte, essere prevenute o almeno previste.

E se – come abbiamo visto nel precedente articolo – la telemedicina è una delle risposte possibili in termini di tempestività ed efficienza, manteniamo ora la nostra promessa di approfondimenti fatta in quello stesso articolo e andiamo oltre, alla ricerca di buone pratiche in questo settore… nevralgico sotto tanti punti di vista 🙂

Medici digitalizzati

Intanto parliamo proprio di loro, dei nostri Medici, che – come illustrato in questo articolo – si stanno sempre più digitalizzando:

“il 76% dei medici internisti italiani consulta referti e immagini in formato digitale, il 47% gestisce le informazioni degli assistiti su data base, il 52% comunica con i pazienti anche grazie a Whatsapp.”

I dati, emersi dalla ricerca “L’innovazione digitale per i medici di medicina interna”, effettuata dall’Osservatorio innovazione digitale in sanità della School of Management del Politecnico di Milano, vanno ancora oltre, dimostrando che tra i medici:

è diffusa la consapevolezza dell’importanza delle competenze digitali nella loro professione: il 53% le considera infatti importanti in funzione delle esigenze professionali, il 41% rilevanti al pari delle altre competenze”.

E se il digitale avanza anche nella Sanità, è forse anche a causa di noi Pazienti che a volte, magari a sproposito (e alzi la mano non l’ha mai fatto) navighiamo su e giù nel web alla ricerca di diagnosi, prognosi e soluzioni ai nostri “mali” (veri e percepiti).

Se ancora abbiamo dei dubbi in proposito, ci pensa un’indagine coordinata da Gfk Eurisko, a dissiparli una volta per tutte:

sono 11,5 milioni gli italiani (il 42% degli adulti) che cercano in rete informazioni relative alla salute, la cura e le patologie. Internet e i social media si collocano in terza posizione tra le fonti principalmente impiegate dai cittadini, subito dopo il medico di famiglia e lo specialista.”

Di necessità virtù, quindi, tutti i dati – sia dei Medici che dei Pazienti – portano al digitale, tanto da azzardare una previsione per il 2017 di tutto rispetto.

Il 2017 potrebbe segnare un momento di svolta nel settore della digital health: finora l’informatizzazione del mondo sanitario ha toccato soprattutto i processi gestionali, ma oggi le componenti cliniche e decisionali sono pronte ad abbracciare soluzioni digitali direttamente correlate con l’attività clinica.

Buone notizie…a pochi passi da casa.

E – per finire con un’ultima buona notizia – eccovi un eccellente esempio di innovazione a due passi da noi. Si tratta della messa in opera di un algoritmo che – grazie anche a una procedura statistica che combina oltre 500 variabili demografiche e di salute – è in grado di “predire” il rischio di ricovero in ospedale.

Ed è proprio la Regione Emilia-Romagna che lo ha fatto, sviluppando “un percorso di presa in carico delle persone più a rischio” in una sperimentazione che “si sta svolgendo in 25 Case della salute – da Busseto, in provincia di Parma, a Rimini – con il coinvolgimento di quasi 16.000 cittadini (15.583) e 221 medici di famiglia.”

Insomma, il sistema, seppure a macchia di leopardo, muove i primi passi a ritmo binario. A noi non resta che attendere, e, nel frattempo, continuare a spulciare (con cautela) il web, in cerca di sintomi e cure della nonna… digitale.

“Il nostro pensiero leggero, rapido quanto esatto, ben visibile - qui e altrove – in una molteplicità di modi, coerentemente dedicato al genio italiano che, circa trent'anni fa, se ne è andato, lasciandoci in dono le sue opere memorabili: Italo Calvino, e le sue indimenticabili Lezioni americane.”

- Gruppo Maps -

Quando l'innovazione tecnologica incontra la cultura

Vuoi seguire i nostri MEMES? Iscriviti a MEMEnto6, la newsletter del blog 6Memes

DISCLAIMER:
Il blog 6MEMES (il “Blog”) non rientra nella categoria dei prodotti editoriali ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62. Ciascun autore, relativamente al contenuto degli articoli pubblicati sul Blog, si assume ogni eventuale responsabilità inerente alla violazione di diritti d’autore di terze parti. Il titolare del sito garantisce in ogni caso la piena disponibilità ad eliminare, ove adeguatamente motivato, ciascun materiale e/o articolo che rappresenti violazione dei diritti d’autore di terze parti.

Socializza

Ultimi tweet

Ultime notizie