Rosso di sera bel tempo si spera… ai Big Data piacendo!

site-admin

site-admin

Il cielo al tramonto si accende di rosso? – nessun dubbio: il giorno seguente porterà bel tempo.
Cielo a pecorelle? – a ciascuno la risposta meteorologica di sapienza popolare!
L’osservazione del cielo e dei fenomeni naturali per comprendere (e dunque predire) l’evolversi delle mutazioni meteo ha origini antichissime, ben più di quella dei proverbi a tutti conosciuti.
Fu tuttavia l’invenzione del telegrafo, nel 1835, che diede inizio all’era moderna delle previsioni metereologiche, permettendo ai vari bollettini formulati di essere ricevuti e diffusi nel giro di breve tempo, compito che le comunicazioni postali avevano fino ad allora reso problematico.
Ai primi del ‘900 si sviluppò dunque una rete di osservazioni meteo a livello mondiale, supportate da un modello matematico interpretativo che poneva le basi per la meteorologia operativa. Fu il matematico e fisico inglese L.F. Richardson a creare le prime equazioni per le previsioni meteorologiche, a partire dalla considerazione dell’atmosfera come un fluido al quale potevano essere applicate le leggi classiche della meccanica e della termodinamica.
Secondo tale “visione” il comportamento dell’atmosfera poteva essere predetto sulla base della variazione di alcuni parametri fisici fondamentali: pressione, temperatura, umidità e velocità del vento.

Da allora, molta acqua è passata sotto ai ponti – scusate la divagazione – e ai modelli matematici e relativi super-calcoli si sono affiancati i satelliti, portatori non solo di viste straordinarie, ma di dati raccolti in tempo reale in grado di simulare con una certa attendibilità – almeno per un numero di ore successive limitate – l’evolversi delle condizioni climatiche osservate.
Però… c’è sempre un però. Se infatti i modelli predittivi più diffusi sono quasi sempre precisi entro le 24-48 ore, e quelli a medio e lungo termine (3-7 giorni) sono in media abbastanza attendibili, spingersi  oltre – a tutt’oggi – è ancora azzardato, per la complessità dei fenomeni in campo e la loro variabilità.
Sono diversi i progetti in essere per risolvere queste difficoltà e, come illustrato in questo articolo, riguardano i Big Data, o meglio il loro utilizzo.
Un esempio di dati – utilizzabili tuttavia solo a certe condizioni – è ad esempio il set prodotto dall’European Climate Adaptation Platform riguardanti previsioni ambientali nel periodo 2021-2050 e 2071-2100 e che, essendo stati ottenuti da indicatori riferiti ad aree piuttosto vaste, risultano non del tutto appropriati per analisi delle condizioni metereologiche future a livello locale.

Diverso è invece il caso della piattaforma Copernicus, che utilizza un approccio integrato tra cartografia e dati satellitari che le consente una miglior gestione delle emergenze e di elaborare ipotesi previsionali anche su aree ristrette. Resta il limite di essere in uso esclusivamente per le organizzazioni umanitarie e le azioni di protezione civile.
Un approccio più locale può essere quello del supercomputer Deep Thunder che, raccolti i dati necessari, elabora con buona esattezza le condizioni metereologiche in un arco di 4 giorni anche per i singoli quartieri delle grandi città.
Su un percorso simile si muoverà ad esempio la nuova app meteo creata dall’ARPA dell’Emilia Romagna che, grazie a un apposito software, analizzerà i dati raccolti da oltre 250 stazioni per dare all’utente, grazie alla geolocalizzazione, la previsione sul clima nel luogo in cui si trova nei tre giorni successivi.

Un ultimo appunto: in quest’ultimo caso, per prevedere come evolveranno le condizioni meteo, i risultati elaborati dai calcolatori saranno revisionati e corretti da un team di esperti in carne ed ossa. Perché contro l’imprevedibilità degli agenti atmosferici forse c’è poco da fare e nemmeno gli strumenti meteo più sofisticati possiedono sufficienti poteri di veggenza.
Chissà: a volte i proverbi la sanno più lunga di tutti, Big Data compresi…

 

approfondimenti

Per saperne di più

 

– www.daily.wired.it

-www.lifeinabyte.com

– www.wrfitalia.com

– www.centrometeo.com

– www.mathisintheair.org

 

“Il nostro pensiero leggero, rapido quanto esatto, ben visibile - qui e altrove – in una molteplicità di modi, coerentemente dedicato al genio italiano che, circa trent'anni fa, se ne è andato, lasciandoci in dono le sue opere memorabili: Italo Calvino, e le sue indimenticabili Lezioni americane.”

- Gruppo Maps -

Quando l'innovazione tecnologica incontra la cultura

Vuoi seguire i nostri MEMES? Iscriviti a MEMEnto6, la newsletter del blog 6Memes

DISCLAIMER:
Il blog 6MEMES (il “Blog”) non rientra nella categoria dei prodotti editoriali ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62. Ciascun autore, relativamente al contenuto degli articoli pubblicati sul Blog, si assume ogni eventuale responsabilità inerente alla violazione di diritti d’autore di terze parti. Il titolare del sito garantisce in ogni caso la piena disponibilità ad eliminare, ove adeguatamente motivato, ciascun materiale e/o articolo che rappresenti violazione dei diritti d’autore di terze parti.

Socializza

Ultimi tweet

Ultime notizie